Dolore al nervo dentale: un nervo dentale può guarire da solo?

Il nervo del dente può guarire da solo in caso di dolore ai denti? Esistono diverse possibili cause di dolore ai denti e ai nervi. Il nervo può essere esposto e provocare disagio e sensibilità a causa di carie, denti fratturati o addirittura digrignamento dei denti durante la notte.

La parte morbida al centro del dente è chiamata polpa. È costituito da tessuto connettivo, vasi sanguigni e nervi.

Polpa danneggiata o infetta

Affinché il nervo dentale possa funzionare normalmente, ha bisogno di un flusso costante di sangue. I sintomi si manifesteranno se questo flusso viene interrotto in qualsiasi modo. Il dolore e lo scolorimento sono un paio di questi.

La sensibilità nei denti indica tipicamente una lesione della polpa. Questa potrebbe essere la conseguenza di un intervento dentale, del serraggio e del digrignamento dei denti, di un colpo alla testa o di un dente scheggiato o fratturato. Una dolorosa sensibilità ai pasti freddi, caldi o zuccherati è un segno di lesione alla polpa. Quando il tessuto nervoso di un dente si infiamma, si parla di pulpite. Anche se questo è spesso curabile, può indicare un'infezione.

Un ascesso, o una tasca piena di pus, si forma sulla punta della radice quando il nervo dentale muore. Ciò può causare un’agonia lancinante, in particolare durante il morso o la masticazione. Inoltre, dolore improvviso e persistente, dolore lancinante o martellante ed eccessiva sensibilità a cibi o bevande caldi o freddi sono tutti possibili sintomi di pulpite irreversibile. Anche di notte, questo tipo di agonia può farti svegliare.

Nervi danneggiati o infetti

I nervi dei denti in genere non ricrescono da soli. D'altra parte, con le giuste cure dentistiche, potrebbero riprendersi se si feriscono o si infettano.

Le infezioni dei nervi dentali possono derivare da carie estese, denti rotti o lesioni al viso. Questi tipi di infezioni solitamente derivano da batteri che attaccano gli strati esterni del dente e alla fine si insinuano nella polpa interna.

I sintomi dell'infezione comprendono dolore, edema e drenaggio rancido. È fondamentale ricevere cure dentistiche da esperti non appena si notano questi segni.

A volte il dente deve essere trattato con una cura canalare. Sebbene si tratti di una forma grave di cure odontoiatriche, nella maggior parte dei casi, la chirurgia è l'unica scelta se il nervo del dente viene infettato o ferito.

Dente morto

I denti sani hanno al loro interno tessuti vivi che vengono nutriti dal flusso sanguigno, nonostante il loro aspetto apparentemente duro. Questi tessuti interni, che si trovano nella polpa, ospitano i nervi dentali. Quest'area può smettere di fornire al dente il flusso sanguigno essenziale se è infettata da batteri o è danneggiata in altro modo. Questo viene definito dente morto ed è una condizione difficile da trattare.

La carie non trattata può progressivamente consumare gli strati del dente fino a raggiungere la polpa. Causandone la chiusura, i batteri presenti in questo tessuto infiammato hanno il potenziale di danneggiare il nervo e altre strutture viventi.

I vasi sanguigni del dente possono rompersi a causa di stress fisico, infortuni sportivi o caduta grave. Ciò farebbe morire di fame il tessuto pulpare del sangue. Se un dente morto viene trattato rapidamente, è possibile evitare ulteriori problemi in futuro, come infezioni o addirittura la necessità di estrarre completamente il dente.

Ascesso

Un gonfiore bianco pieno di pus noto come ascesso si sviluppa quando il sistema immunitario combatte un'infezione e danneggia il tessuto circostante. Ciò fa sì che il tessuto ferito si ingrandisca e si riempia di pus, che è una miscela di batteri, cellule morte e globuli bianchi vivi. Sebbene possano formarsi in qualsiasi parte del corpo, gli ascessi compaiono più frequentemente nella bocca e sulla pelle.

Il medico eseguirà un'incisione nell'area intorpidita e drenerà il pus dalla tasca dell'ascesso per drenare un ascesso dentale. Dopo il drenaggio, è possibile inserire uno "stoppino" di garza all'interno dell'ascesso per favorire l'assorbimento precoce di pus o sangue. Il medico ti sottoporrà a sedazione o anestesia generale e farà drenare l'ascesso orale in una sala operatoria se è troppo grande per questo.

Se un ascesso non guarisce con il calore o con gli antibiotici per via orale, è necessario contattare immediatamente il medico. Inoltre, dovresti consultare un medico se avverti febbre, ghiandole gonfie sotto le ascelle o nel collo o dolore nella zona dell'inguine che potrebbe essere un'indicazione di un'infezione batterica del retto o dell'inguine.


POTREBBERO INTERESSARTI

Un dente morto è segno di un'altra malattia?

Depressione permanente: che cos'è?

Come aumentare la resistenza alla corsa

5 benefici per la salute degli avocado

Uova: fanno bene agli addominali?

E se mangiassi un uovo ogni giorno?